Home » Attualità

Attualità

stampa pagina

GRANDE SUCCESSO DELL'OPEN DAY TRENORD

 IN DIECIMILA ALLA SCOPERTA DI TRENORD   

Milano, 8 giugno 2014 – Grande successo di pubblico per l’Open Day di Trenord che si è svolto oggi dalle 10 alle 18. Circa 10 mila, tra Milano Cadorna, Milano Fiorenza, Saronno e Novate, le persone che sono andate a scoprire il “dietro le quinte” della ferrovia, un mondo spesso poco conosciuto ma con un grande fascino per appassionati e non solo. Tantissime infatti le famiglie che hanno visitato i treni storici e quelli moderni, le officine e i depositi di Novate e Fiorenza, la sala operativa Trenord e il Posto Centrale di Movimento di Ferrovienord di Saronno, dove molto apprezzato e' stato anche il locale museo ferroviario.
  La giornata di festa alla stazione milanese ha preso inizio con l’arrivo del nuovo treno Coradia Meridian di Alstom al binario 9 alla presenza di Alberto Cavalli, assessore regionale alle Infrastrutture e Mobilità; Norberto Achille, presidente FNM; Luigi Legnani, amministratore delegato Trenord e Pierre Louis Bertina, presidente e amministratore delegato Alstom Ferroviaria. Il treno di ultima generazione è rimasto poi in mostra tutta la giornata, insieme alla locomotiva a vapore del 1883, la più antica d’Europa ancora funzionante, e ad altri treni moderni in servizio sulla rete della Lombardia.
All'apertura anche Davide Van de Sfroos e la sfilata dei figuranti storici di Saronno.
  Saronno – Moltissimi hanno visitato il “Museo delle Industrie e del Lavoro” e la sala operativa, il moderno centro di controllo che gestisce la circolazione dei treni Trenord sul ramo Ferrovienord. Qui gli ospiti hanno potuto assistere a momenti di vita reale della ferrovia, scoprendo i segreti del governo della circolazione ferroviaria.
  Novate Milanese – Grande interesse ha suscitato l’officina storica di Novate che si estende su 139mila metri quadri di superficie e sei chilometri di binari.
  Milano Fiorenza – Le visite guidate all’impianto di manutenzione e pulizia più grande d’Italia di Milano Fiorenza si sono svolte a bordo di due treni Besanino. L'area si estende su un’area complessiva di 540 mila metri quadrati, pari a 80 campi da calcio, ed è percorsa da 33 chilometri di binari. Vi operano 610 addetti (oltre 400 della Direzione Operativa Trenord e circa 200 di ditte esterne), coprendo l'intero arco delle 24 ore.

09/06/2014

DAL 5 AL 30 GIUGNO MILANO SI RIEMPIE DI TORRI

DAL 5 AL 30 GIUGNO MILANO  SI RIEMPIE DI TORRI - Mondopressing  Luglio  2014

 Qualche anno fa Milano è stata invasa pacificamente da mucche colorate, poi è stata la volta di chiocciole, rane e, come nell’ultima Design Week, rondini. Dal 5 al 30 giugno 2014 le vie della Città diventeranno il palcoscenico di #WeAreTowerParade, un’esposizione a cielo aperto di 31 torri che riproducono in scala UniCredit Tower interpretate secondo l’estro e la fantasia di 27 creativi e degli studenti di 4 scuole di design e illustrazione di Milano. Gli artisti e le scuole hanno rielaborato le torri, 31 come i piani di UniCredit Tower, in una esperienza creativa nel cuore di Milano sul tema “le radici nel futuro”. Il pubblico, votando le sue torri preferite, contribuirà a sostenere 7 organizzazioni non profit che aiutano i giovani a inserirsi nel mondo del lavoro.

 

Le 31 torri, alte circa due metri ciascuna, saranno esposte dal 5 al 10 giugno in piazza Gae Aulenti, sede del nuovo Headquarters di UniCredit, mentre dal 12 al 30 giugno saranno esposte per le vie del centro e collegheranno idealmente la nuova sede di piazza Gae Aulenti con la sede storica del gruppo  piazza Cordusio, il futuro e la storia della banca. 

#WeAreTowerParade si inserisce tra le iniziative per celebrare i 15 anni dalla nascita di UniCredit, rendendo omaggio al nuovo skyline di Milano caratterizzato dalla UniCredit Tower, l’edificio più alto d’Italia che nel 2013 è stato inserito fra i dieci grattacieli più belli del mondo nella classifica stilata dalla società tedesca Emporis Building. 

Partecipano all’iniziativa gli studenti della Scuola di Design del Politecnico di Milano, della Scuola di Visual Communication dello IED – Istituto Europe di Design, di NABA – Nuova Accademia di Belle Arti, corso di Fashion Design e di Mimaster illustrazione – Scuola OPPI e 27 artisti e creativi quali, fra gli altri, Andy (ex tastierista dei Bluvertigo), Mitja Bombardieri aka Verbo, Fabio Giampietro, Fabio Roncato e Miriam Secco, che si sono confrontati sui temi dell’innovazione, del futuro, delle radici, della sostenibilità e del talento. 

Investire sui giovani è anche l’obiettivo dell’iniziativa solidale legata a #WeAreTowerParade: votando la torre preferita sul sito dedicato www.towerparade.it, attraverso l’apposita applicazione sulla pagina Facebook UniCredit Italia o inquadrando con lo smartphone i QR code indicati sulle teche delle opere, UniCredit Foundation destinerà un contributo a 7 Onlus attive su tutto il territorio nazionale con progetti a sostegno dell’inserimento dei giovani nel mondo del lavoro. Più numerosi saranno i voti, maggiori saranno i fondi devoluti in egual misura alle 7 Onlus che UniCredit Foundation sta accompagnando nella loro fase di start up. Per rendere ancor più significativo questo piano di solidarietà, ciascuno potrà scegliere di donare un proprio contributo direttamente alle Onlus grazie all’applicazione ilmiodono, accessibile dal sito towerparade.it. UniCredit Foundation raddoppierà il ricavato raccolto con le singole donazioni e lo destinerà alle 7 organizzazioni.

 

Negli ultimi due anni UniCredit Foundation ha avviato e gestito progetti dedicati alla promozione dell’impresa sociale nei paesi in cui UniCredit è presente, che hanno originato oltre 320 posti di lavoro per giovani svantaggiati.

 

Con #WeAreTowerParade UniCredit conferma quindi il sostegno alla solidarietà e alla creatività, nella profonda convinzione che la cultura sia un punto di raccordo tra passato e futuro e sappia esprimere e anticipare tendenze e innovazioni

#WEARETOWERPARADE

Dal 5 al 10 giugno 2014: esposizione in piazza Gae Aulenti

Dal 12 al 30 giugno 2014: esposizione tra piazza Gae Aulenti e piazza Cordusio

www.towerparade.it

Segui l’iniziativa tramite l’hashtag #wearetowerparade

07/06/2014

PRESENTAZIONE A MILANO DELLA NOTTE ROSA

Il prossimo 4 luglio, lungo i 110 km della Riviera Romagnola, si terrà la nona edizione della Notte Rosa, una notte all’insegna di buona musica, divertimento sano, convivialità, allegria ed emozioni.

La Notte Rosa è nata nel 2006 grazie alla passione degli emiliano romagnoli, la stessa che ha prodotto Ferrari e Ducati, le liriche di Giuseppe Verdi, il Parmigiano Reggiano e la Piadina, la moda dei grandi stilisti, il cinema di Fellini e Antonioni, l’arte di Guercino, Correggio e Morandi, e tanto altro ancora.

Una passione che è anche –e soprattutto- accoglienza, ospitalità e calore nei confronti dei milioni di turisti a cui ogni anno diamo il benvenuto.

A questa energia che parla italiano al mondo, e che tutto il mondo ammira, renderà omaggio la Notte Rosa: “Italian Passion” è il tema dell’edizione 2014 del Capodanno dell’Estate Italiana, che regalerà ai suoi 2 milioni di ospiti una notte e un weekend indimenticabili, romantici e suggestivi, con tanti eventi ed ospiti eccezionali.

Per raccontarti in dettaglio il ricco programma della Notte Rosa 2014, assieme ad uno dei suoi protagonisti, il dj Claudio Coccoluto, ti aspettiamo:

 

Martedì 10 giugno, alle ore 11.30

nella Sala della Passione della Pinacoteca di Brera

in via Brera 28, a Milano (ala sinistra della corte interna)

 

All’incontro saranno presenti Maurizio Melucci, Assessore al Turismo della Regione Emilia Romagna, Liviana Zanetti, Presidente di Apt Servizi Emilia Romagna, Antonio Carasso, Coordinatore dell’Unione di Prodotto Costa, Andrea Gnassi, Sindaco di Rimini, e i rappresentanti dei Comuni e delle Province della Riviera.

 

05/06/2014

DOMENICA 8 GIUGNO PLAY DAY ALLA FABBRICA DEL VAPORE

DOMENICA 8 GIUGNO PLAY DAY ALLA FABBRICA DEL VAPORE - Mondopressing  Luglio  2014

Il Play Day raddoppia. Dopo il grande successo dell’anno scorso, ritorna la Festa del gioco. E se nel 2013 la manifestazione si era svolta nel solo pomeriggio, quest’anno saranno ben sette le ore di divertimento alla Fabbrica del vapore.

L’appuntamento è per domenica 8 giugno a Milano, in via Procaccini 4, dalle 11 alle 18. Siete tutti invitati a partecipare a una giornata intera e gratuita di giochi, animazioni, musica e divertimento per tutte le famigliearia aperta, tutto messo a disposizione dalle aziende associate ad Assogiocattoli.S

Come lo scorso anno è stata proprio l’associazione che dà vita anche a G! come Giocare a organizzare l’evento, con il supporto di Pepita Onlus e con la collaborazione del Comune di Milano. Un evento che sarà reso ancor più frizzante da un animatore d’eccezione: Ciccio Pasticcio, noto personaggio dello Zecchino d’Oro, che con la sua band farà danzare grandi e piccini.

05/06/2014

PRESENTATO MARMOMACC A MILANO , UN EVENTO DI VERONA FIERE

PRESENTATO MARMOMACC A MILANO , UN EVENTO DI VERONA FIERE - Mondopressing  Luglio  2014

 Un evento fieristico sempre più trasversale, dove il business della pietra naturale dialoga direttamente con il mondo del contract e dell’arredo d’interni. È questa la principale novità della 49ª edizione di Marmomacc, in programma a Veronafiere dal 24 al 27 settembre 2014 (www.marmomacc.com). La più importante manifestazione internazionale dedicata al comparto lapideo, si svolge per la prima volta in contemporanea ad Abitare il Tempo, il salone b2b di Veronafiere per gli operatori del contract, con le migliori proposte di materiali, finiture d’interni e arredo (www.abitareiltempo.com). I due saloni sono stati presentati oggi alla Triennale di Milano dal presidente di Veronafiere, Ettore Riello, dal direttore generale, Giovanni Mantovani, dal presidente di ADI, Luciano Galimberti, dal designer Giuseppe Viganò, dalla storica e critica d’arte, Martina Corgnati. A moderare il giornalista e conduttore televisivo, Giorgio Tartaro.

«La scelta di unire nel calendario le due fiere – spiega il presidente di Veronafiere, Ettore Riello – mette a sistema due eventi che rappresentano eccellenze del manifatturiero made in Italy come marmo e arredo, complementari a livello di filiera. Marmomacc, che nel 2013 ha registrato il 54% degli operatori dall’estero da 143 nazioni, costituisce, inoltre, la piattaforma ideale per sviluppare l’internazionalità di Abitare il Tempo. L’iniziativa, infine, incontra le esigenze degli stessi operatori di Marmomacc 2013, dal momento che, secondo una ricerca, il 68% di quelli italiani e il 56% degli esteri ritengono ormai necessario coinvolgere espositori da nuovi settori». 

Come ogni anno, a Marmomacc, il comparto della pietra naturale è protagonista assoluto: blocchi, lastre, semi lavorati e prodotti finiti, macchinari, tecnologie e accessori quali abrasivi diamantati e utensili. Un’industria che vede l’Italia quinto paese al mondo per produzione e lavorazione, e che ha continuato a crescere all’estero anche nel 2013, con esportazioni di materiali, soprattutto finiti, che hanno toccato  quasi 1,9 miliardi di euro (+6,7%), mentre le tecnologie e le macchine di lavorazione hanno raggiunto i 969 milioni (+10,5%). Un trend positivo confermato anche nel primo bimestre 2014, con le esportazioni complessive nazionali di marmi e graniti finiti e semilavorati, pietre grezze ornamentali e da costruzione, calcare, pietra da gesso, creta e ardesia che hanno totalizzato 249,5 milioni di euro (+5,9%).

È per questo che Marmomacc guarda da sempre all’estero per il suo sviluppo e oggi presidia con la rete di eventi internazionali di Marmomacc in The World i più importanti mercati di riferimento per il presente ed il futuro del business: Stati Uniti d’America, Brasile, Penisola Arabica e Nord Africa.

«Anche quest’anno abbiamo potenziato la nostra espansione a livello internazionale –  fa sapere il direttore generale di Veronafiere, Giovanni Mantovani – consolidando il ruolo di primo polo mondiale della pietra naturale. Oltre ai tradizionali appuntamenti di Marmomacc negli Stati Uniti, in Brasile, Qatar, Arabia Saudita e Marocco, il 2014 vede il debutto in Oman, con un evento focalizzato su interior design, decorazioni e mobili di alta fascia,  in Egitto con MS Africa and Middle East-The Marmomacc and Samoter Show, senza dimenticare TISE StoneExpo/Marmomacc Americas che raddoppia la propria presenza nel Nord America a Miami, dopo Las Vegas. A novembre, infine, nello stato di Espirito Santo, nasce anche EXPO Construções, fiera che guarda al promettente mercato brasiliano delle costruzioni».

Nella propria missione all’estero, Marmomacc può contare su importanti partner istituzionali come Simest e Sace (in Brasile), oltre a Confindustria Marmomacchine, Hanley Wood Exhibitions, il più grande organizzatore di manifestazioni sull’edilizia degli Stati Uniti, e il Centro Servizi per il Marmo di Volargne, guida del Distretto del Marmo e delle Pietre del Veneto.

Uno dei punti di forza di Marmomacc sta nella scelta di coniugare il business al design e alla cultura del prodotto, facendo della manifestazione anche uno dei più importanti momenti di confronto, innovazione e didattica per aziende e professionisti che lavorano con la pietra.  Un aspetto ulteriormente rafforzato dalla compresenza, quest’anno, di Abitare il Tempo che rende ancor più immediato e tangibile l’utilizzo della pietra naturale rapportata all’arredo e alle finiture d'interni in progetti pensati per il mondo del contract.

Un aspetto, questo, sottolineato da tutti i relatori. «Il design ha due anime, una più tecnica e una di narrazione, entrambe ben rappresentate da Marmomacc e Abitare il Tempo», commenta Luciano Galimberti. Viganò ha invece sottolineato quanto sia «necessario fare cultura e formazione per far apprezzare e far conoscere al grande pubblico le potenzialità del marmo». Alla cultura, infatti, i due Saloni dedicano un intero padiglione, Inside Marmomacc & Abitare il Tempo con un ricco programma di convegni, laboratori, mostre e installazioni di per approfondire gli utilizzi creativi del marmo, con un focus particolare sui progetti dei più famosi architetti iberici.

Per Martina Corgnati, storica e critica d’arte, «la pietra è ancora al centro dell’interesse di artisti e architetti e continua a vivere, grazie alle tecnologie innovative, in forme mai immaginate. E Marmomacc ne è una testimonianza».

 

I DATI ECONOMICI NAZIONALI DEL SETTORE MARMO

L’Italia è la quinta nazione del mondo per la produzione e la lavorazione di marmi e graniti, dopo Cina, India, Turchia e Brasile. Per l’industria italiana della pietra naturale il 2013 segna il terzo anno di crescita consecutivo. Marmi e graniti made in Italy hanno chiuso  l’anno appena trascorso ancora in positivo, forti di un export che ha raggiunto – tra prodotti lavorati e grezzi – quasi 1 miliardo e 900 milioni di euro, con un incremento del 6,7% rispetto al 2012. Il prodotto italiano, finito e semilavorato è sempre più richiesto all’estero nei campi delle costruzioni, dell’interior design e del contract. Continente americano (+18,9%), Paesi dell’Est Europa (+12,1%), Nord Africa (+26,6%), Medio Oriente (+12,9%) fanno registrare aumenti della domanda a doppia cifra (fonte Osservatorio Marmomacc, su dati Istat).

Andamento positivo anche per il comparto delle tecnologie. L’export italiano di macchinari per marmi e pietre ha fatturato nel 2013 oltre 700 milioni di euro (+10,8), mentre quello dei beni strumentali,  fra cui primeggiano abrasivi e utensili diamantati, ha totalizzato 269 milioni di euro (+10,2%).

Performance in crescita anche nel primo bimestre 2014: le esportazioni complessive nazionali di marmi e graniti finiti e semilavorati, pietre grezze ornamentali e da costruzione, calcare, pietra da gesso, creta e ardesia hanno toccato quota 249,5 milioni di euro contro 235,5 milioni di euro dello stesso periodo del 2013 (+5,9%).

Nella foto, al tavolo dei relatori da sinistra verso destra: Giorgio Tartaro, Martina Corgnati, Ettore Riello, Giovanni Mantovani, Luciano Galimberti, Giuseppe Viganò

 

 

04/06/2014