News

In dialogo con l’arte: Anna Crespi racconta i protagonisti della cultura contemporanea

Anna Crespi, fondatrice dell’associazione meneghina “Amici della Scala”, instancabile promotrice e curatrice di progetti e incontri volti ad avvicinare il grande pubblico al mondo scaligero,  ha intervistato alcuni protagonisti dell’arte e della cultura, nel tentativo di avvicinarsi, con garbo e delicatezza, alla loro anima.

Oriella Dorella, Giulio Giorello, Daniele Gatti, Arnaldo Pomodoro, Quirino Principe, Gillo Dorfles, Maurizio Nichetti, Claudio Magris, Ferruccio Soleri e Umberto Veronesi sono solo alcune delle personalità  con cui l’autrice cerca di entrare in contatto, rivelandone l’unicità e l’autenticità al lettore.

In un’epoca dominata dalla comunicazione innaturalmente rapida e dalla superficialità si cerca di recuperare l’importanza del dialogo: come dichiara la stessa autrice, le sue interviste nascono “perché mi piace entrare nell’animo altrui”.

Le domande sorgono spontanee, seguono le suggestioni e l’ispirazione, traggono spunto dalle risposte, senza una sequenza prestabilita: scrittori, filosofi, personalità del mondo dell’imprenditoria, attori, musicisti, ognuno in modo diverso, chi lasciandosi andare, chi mantenendo maggior riserbo, svelano la propria interiorità all’intervistatrice.

A volte è inevitabile soffermarsi sull’attualità e sui grandi temi del momento; in altre occasioni le parole dell’interlocutore aprono la strada a riflessioni più intime e personali, a ricordi d’infanzia, a momenti di vita privata. Emerge così un profilo diverso del personaggio intervistato, in cui hanno più spazio le emozioni vissute che i risultati professionali.

Anna Crespi domandando racconta di sé, ma senza mai sovrapporsi alla voce del protagonista: durante il dialogo “Dimentico me stessa. “ dichiara l’autrice:”Divento la persona che sto intervistando ed entro a far parte della sua vita.”

Molti dei personaggi scelti hanno un rapporto personale con l’autrice, altri provengono dal mondo della musica, di cui Anna Crespi si occupa da anni; altri invece sembrerebbero, per formazione e occupazione, più distanti, ma vi è comunque un tentativo di avvicinarsi, con curiosità e affabilità, di creare punti di contatto.

Chiude la raccolta, una curiosa  ed estemporanea intervista “a tre”, che coinvolge Umberto Eco e il compositore Alexander Raskatov.

Anna Crespi, Esercizi di conversazione, Ponte alle Grazie, 2016