News

Parigi: torna la paura del terrorismo, muore l’attentatore che uccide un agente e ne ferisce altri due

Parigi, ancora una volta nel mirino dei terroristi, che tornano a colpire nel cuore della capitale francese, gli Champs-Elysées, uno di quello che è considerato un luogo simbolo non solo dai parigini. Ad aprire il fuoco contro la polizia è stato un uomo armato di  kalashnikov, che ha colpito un agente, uccidendolo e ferendone gravemente altri due.

Nel conflitto a fuoco, ingaggiato con la polizia anche l’aggressore ha perso la vita, verosimilmente colpito dal fuoco dei poliziotti. Ma ancora resta tutto da chiarire e il tutto si chiarirà dopo le perizie balistiche.

Da quanto dichiarato dal ministro dell’Interno, Pierre Henry-Brandet, l’obiettivo terroristico era proprio la polizia e le indagini sull’assalto sono stati affidate alla procura antiterrorismo. A confermare la tesi di terrorismo anche lo stesso presidente francese François Hollande, ne suo discorso rivolto al popolo francese.

Dalle prime ricostruzioni l’assalitore sarebbe sceso da un’auto sugli Champs-Elysées alle ore 21  subito ha aperto il fuoco contro il furgone della polizia, tentando poi di fuggire a piedi, ma veniva fermato e abbattuto dai colpi dei poliziotti.

L’uomo era conosciuto al Dgse, l’intelligence francese, e risulterebbe schedato come radicalizzato a rischio,capace di commettere attentati.  La polizia è andata immediatamente a perquisire la sua residenza, situata a Seine-et-Marne, a est di Parigi.

Intanto la polizia, controllando sul web, avrebbe trovato uno scambio messaggi Telegram in cui si manifestava l’intenzione di voler uccidere agenti di polizia. Telegram è un applicazione informatica più volte  usata come sistema di comunicazione sicuro dai terroristi di Isis .

E’ in corso un summit istituzionale all’Eliseo tra il presidente Francois Hollande, il premier Bernarde Cazeneuve, il ministro dell’Interno Matthias Kekl ed il sindaco di Parigi, Anne Hidalgo per concordare le strategie di intervento delle prossime ore.

Informazioni su Sebastiano Di Mauro (259 Articoli)
Sebastiano Di Mauro nasce ad Acireale (CT) nel 1954 dove ha vissuto fino a circa 18 anni. Dopo si trasferisce, per brevi periodi, prima a Roma, poi a Piacenza e infine a Milano dove vive, ininterrottamente dal 1974. Ha lavorato per lunghi anni alle dipendenze dello Stato. Nel 2006, per strane coincidenze, decide di dedicarsi al giornalismo online occupandosi prima di una redazione a Como e successivamente a Milano, coordinando diverse redazioni nazionali. Attualmente ha l'incarico di caporedattore di questa testata coordinando i vari collaboratori sul territorio nazionale.
Contatto: Website