News

Pixar 30 anni di animazione: la mostra dell’anno al Palazzo delle Esposizioni

Da domani martedì 9 ottobre fino a domenica 20 gennaio 2019, presso il Palazzo delle Esposizioni (Roma), sarà possibile visitare PIXAR 30 anni di animazione la mostra che si preannuncia essere l’evento dell’anno.

Dal 1986 la Pixar, celebre casa di produzione cinematografica californiana, realizza tra i migliori lungometraggi animati servendosi dell’animazione computerizzata. Da Toy Story – il mondo dei giocattoli (1995) a Monsters & Co. (2001), da Alla ricerca di Nemo (2003) a Inside Out (2015)… fino ad arrivare agli Gli Incredibili 2 (2018) la Pixar ha conquistato, conquista e continuerà a conquistare il cuore di grandi e piccini, grazie alla fitta rete di collaborazioni costituita da creativi e registi – grazie ai quali – la magia diventa realtà.

La peculiarità di questa mostra, secondo quanto affermato dalla curatrice Elyse Klaidman e da Maria Grazia Mattei per l’edizione italiana, vuole essere quella di svelare al grande pubblico la fase creativa e nascosta dei maestri dell’animazione mondiale.

Più di 400, tra disegni realizzati a matita e pennarello, dipinti in acrilico, guazzo e acquerelli, calchi, modelli fatti a mano sono i pezzi di cui PIXAR 30 anni di animazione è composta. Una vera e propria immersione nella fabbrica delle emozioni. A rendere ancora più immersivo il percorso suddiviso in tre sezioni – Personaggi, Storie, Mondi -, sono l’artscape e il zootropio (un omaggio a uno dei primi strumenti dell’osservazione, del cinema e dell’animazione). Il zootropio dedicato a Toy Story va a sottolineare quel connubio tra antichità/artigianato e contemporaneità/digitalità artistica che la mostra ha molto a cuore e che vuole far emergere. A tal proposito è da citare l’affermazione della Mattei: «PIXAR 30 anni di animazione è concepita per approfondire il lavoro di quella che è una vera e propria bottega rinascimentale digitale che crea capolavori, dove disegno a mano, scultura e informatica coesistono sul grande schermo in una sintesi armonica. Il digitale, per Pixar, è sia strumento che linguaggio». 

Tanti saranno gli eventi legati alla mostra, da A Regola d’Arte – incontri sull’animazione Pixar a Passione Pixar (un ciclo di proiezioni, molte delle quali ad ingresso gratuito).


PIXAR 30 anni di animazione
è un evento da non perdere.

 

Informazioni su Giorgio Volpe (100 Articoli)
Giorgio Volpe Redattore Spettacolo Nato nel 1990, amante dell’arte, soprattutto di quella scenica, si laurea nel 2013 in Scienze Umanistiche (Arti e Scienze dello Spettacolo - La Sapienza/Roma) con una tesi su “The Lion King – il musical” e nel 2018 consegue la specialistica in Lettere e Filosofia (Spettacolo, Moda e Arti Digitali - La Sapienza) con una tesi dal titolo "Teatro Ragazzi. Esperienze tra Italia e Francia". Quello della scrittura giornalistica è un hobby che gli permette di abbinare l’utile al dilettevole.