News

Anfotero torna in scena: dall’1 al 3 febbraio al Teatro Ivelise – Roma

Dall’1 al 3 febbraio torna in scena Anfotero a Roma, presso il Teatro Ivelise.

Scritto e diretto da Giorgio Volpe, con Deialnira Russo, Giorgio Volpe e la voce di Camillo Grassi.

Se durante l’infanzia non ricevessimo condizionamenti in merito alla sessualità, arriveremmo forse – da bambini, da adolescenti, persino da adulti – a non porci troppi interrogativi (spesso legati a pregiudizi) in merito all’identità di genere e alle preferenze sessuali? Se alla base della nostra educazione non ci fossero i condizionamenti di cui sopra, sentiremmo ugualmente il bisogno di definire un comportamento giusto o sbagliato?

Al giorno d’oggi i termini giusto/sbagliato e natura/contro natura si definiscono sulla base di condizionamenti (di derivazione culturale e religiosa) che vanno a limitare la personale libertà di espressione dell’individuo. Viviamo, chi più chi meno (i fattori che determinano il nostro grado di condizionamento sono molteplici), secondo uno schema che ci viene inculcato da piccoli. Uno schema che spesso, purtroppo, ci limita e ci rende ostili verso le diversità.

Anfotero, attraverso un linguaggio semplice e diretto, si pone come obiettivo quello di valorizzare le diversità abbattendo qualsiasi tipo di pregiudizio. Sentiamo il bisogno di parlare di diversità perché la diversità esiste, fa parte di noi, e non deve essere pretesto di derisione, emarginazione e fobia (xenofobia, omofobia, misantropia, trans-fobia, ecc.). La tradizione deve iniziare a essere considerata una fra le tante possibilità, è giunto il momento di equiparare la tradizione alla diversità in una visione libera e poliedrica dell’esistenza umana. È una battaglia in corso da secoli, basti pensare ai neri, agli ebrei – solo per citare alcuni esempi emblematici di discriminazione.

Anfotero, attraverso la potenza comunicativa del teatro (e dell’arte in generale), si pone come obiettivo quello di raccontare la diversità per quello che è: un universo a cui non siamo abituati, dal quale spesso prendiamo le distanze in quanto passivamente guidati da pregiudizi preesistenti.

C’è un termine che in questi ultimi anni fa parlare molto di sé (come si trattasse di un neologismo), sollevando non poche sterili polemiche e inesistenti teorie. Il termine sotto i riflettori è: GENDER. Quale sconvolgente significato si nasconde dietro questa misteriosa parola bisillabica? Basta eliminare la “d” e aggiungere una “e” alla fine per ottenere la traduzione italiana e forse anche una maggiore chiarezza sulla sua accezione: GENERE. La parola “genere” ci accompagna sin dalla giovane età: chi non lo assocerebbe, anche a distanza di anni, all’analisi grammaticale appresa alle scuole elementari?

Amore: nome comune di cosa, numero singolare, genere maschile.

Paura: nome comune di cosa, numero singolare, genere femminile.

… eppure, ogni volta che si parla di gender scoppiano le polemiche a cui si accennava sopra.

Il genere include aspetti come l’identità di genere e la sua espressione, ma non l’orientamento sessuale; pertanto l’identità di genere non va confusa con le preferenze sessuali. L’identità di genere rappresenta una consapevolezza interiore e radicata, quella del genere con cui una persona si identifica, mentre le preferenze sessuali riguardano l’attrazione emozionale, romantica e/o sessuale, di una persona verso individui dello stesso sesso, di sesso opposto, o di entrambi i sessi.

Perché Anfotero? In chimica un anfotero è una sostanza che può manifestare sia un comportamento acido che uno basico, come ad esempio l’acqua. Allo stesso modo di un anfotero, credo che un essere umano – maschio o femmina che sia – possa manifestare sia comportamenti maschili che femminili aldilà del proprio sesso biologico oltre che del proprio orientamento sessuale.

Anfotero è un insieme di frammenti di vita quotidiana che Andrea e Lorenzo raccontano interpretando le varie situazioni presentate dallo spettacolo. Un racconto di crescita, fatto di incontri, difficoltà, cose belle e altre meno piacevoli. Questi frammenti di vita quotidiana puntano a far emergere alcune fra le tante realtà individuali che costituiscono l’ampio ventaglio della diversità. “La diversità è un valore, non un fastidio da nascondere o, peggio, da negare” (Marco Cattaneo, direttore di National Geographic Italia): questo è il concetto che Anfotero mira a diffondere.

Giù di Su per Giù – teatro: https://www.facebook.com/gsgteatro/

Informazioni su Giorgio Volpe (113 Articoli)
Giorgio Volpe Redattore Spettacolo Nato nel 1990, amante dell’arte, soprattutto di quella scenica, si laurea nel 2013 in Scienze Umanistiche (Arti e Scienze dello Spettacolo - La Sapienza/Roma) con una tesi su “The Lion King – il musical” e nel 2018 consegue la specialistica in Lettere e Filosofia (Spettacolo, Moda e Arti Digitali - La Sapienza) con una tesi dal titolo "Teatro Ragazzi. Esperienze tra Italia e Francia". Quello della scrittura giornalistica è un hobby che gli permette di abbinare l’utile al dilettevole.