News

Castellabate è stato il set di un film tedesco che fa il pieno di ascolti

Castellabate si conferma ancora una volta perfetto set cinematografico grazie al successo in Germania del film girato interamente nel borgo cilentano lo scorso anno.

Scenario ameno e suggestivo per il film TV andato in onda sul piccolo schermo, sul principale canale televisivo tedesco, lo scorso venerdì 12 aprile. La critica tedesca ha subito definito la pellicola un volano per il territorio, “Papa hat keinen Plan” Der perfekte Werbespot für Italien, è il titolo di un articolo che ha commentato l’evento televisivo, che tradotto significa che questo film è “la pubblicità perfetta per l’Italia”. Nel film Castellabate diventa la meta di un viaggio riconciliante per recuperare il rapporto burrascoso tra padre e figlia. Il lieto fine è assicurato grazie alla bellezza dei luoghi, all’ospitalità delle persone e all’allegria che si respira al Sud: un’atmosfera che riuscirà a fare breccia nel cuore dei due pr

otagonisti.

Anche nel caso di questa romantica commedia, per i telespettatori tedeschi, “nessuno può sottrarsi al fascino del suono del mandolino e alle stradine panoramiche sul golfo”, come si legge nell’articolo diprisma.de, portale tedesco dedicato al mondo della televisione. Ottimi sia gli ascolti che il riscontro della critica per il film prodotto da Saxonia Media, utilizzando la promozione cinematografica della Regione Campania. L’assessore al turismo e alla cultura Luisa Maiuri commenta: «Castellabate torna protagonista nel mondo del cinema e della televisione, stavolta andando anche oltre i confini nazionali. I tedeschi amano e conoscono già il nostro territorio, apprezzando la sua natura e il mare cristallino, che grazie alla pellicola girata qui è arrivato ad una platea ancora più ampia di potenziali viaggiatori. Ho raccolto il commento di una signora che abita qui ma che ha amici in Germania, e mi fa piacere condividerlo, oltre che dalla trama del film, i telespettatori sono rimasti ancora più colpiti e incantati dallo sfondo del nostro borgo, uno scenario perfetto per la storia proposta».

Segnalato da Annamaria Demartini