News

Finestre sul Film Documentario D’Autore al Cinema Spazio Oberdan di Milano

Martedì 8 maggio alle ore 18.30 Fondazione Cineteca Italiana propone presso Cinema Spazio Oberdan a Milano l’evento speciale FINESTRE SUL FILM DOCUMENTARIO D’AUTORE, a cura di Maurizio Fantoni Minnella e dell’Associazione FreeZone, una tavola rotonda sullo stato attuale del Cinema Documentaristico d’Autore, con speciale attenzione alla realtà creativa, produttiva, distributiva italiana.

IL PROGRAMMA DELLA GIORNATA
18.30 Breve introduzione e saluto.

A seguire Tavola rotonda con interventi di:
Gianfranco Pannone (regista): Documentare o documentire?
Franco Piavoli (regista): Filmare le radici. L’heimat di Franco Piavoli
Giancarlo Giraud (presidente Cineclub Amici del Cinema di Sampierdarena): Promuovere e distribuire il film documentario d’autore nei circuiti d’essai
Elisa Mereghetti (regista): Il documentario di confine, tra narrazione e impatto sociale
Giuseppe Baresi (docente e regista): Approcci diversi per lavorare senza finzione: sperimentazione linguistica e film/video personali
Maurizio Fantoni Minnella (scrittore e regista): Archiviare il film documentario d’autore ripensando alla storia del film documentario * Presentazione al pubblico dell’Archivio del Film Documentario d’Autore FreeZone

h 20 Presentazione del volume di Maurizio Fantoni Minnella Film Documentario d’Autore. Una storia parallela (Odoya Edizioni)
Il volume si propone come strumento storico e critico di approfondimento del linguaggio del Film Documentario d’Autore, attraverso le opere e gli autori, lungo l’intero arco della sua storia, che è la storia di un cinema parallelo rispetto a quello consacrato alla fiction. Attualmente si tratta dell’opera più ampia e con la più ampia filmografia su questo argomento, disponibile sul mercato italiano.
Presente l’autore, modera Enrico Nosei, direttore della programmazione del Cinema Spazio Oberdan di Milano.

h 21.15 Mondo Za
R.: Gianfranco Pannone. Sc.: G. Pannone, Nico Carrato, Primo Giroldini. Fot.: Pierpaolo Pessini. Mont.: Nicola Tasso. Musica: Daniele Furlati. Italia, 2017, 80’.
Cesare Zavattini e la Bassa reggiana. La Bassa reggiana e Cesare Zavattini. Un rapporto di reciprocità ricco e complesso, che in questo film intreccia passato e presente, creando un nuovo tempo sospeso attraverso le testimonianze di quattro uomini d’età e condizioni sociali diverse. Un film a partire dal grande Za, che incontra idealmente la sua gente in questo pezzo d’Emilia che lambisce il Po.
Il regista Gianfranco Pannone sarà presente in sala.