News

Giovani Neoarchimede 2019 premiati a Milano dalla Commissione Europea

“Geoamp”, un innovativo amplificatore a basso rumore per sismografo ed per diverse applicazioni in campo medico è stato inventato dagli studenti Ilaria Serino (2000), Mario Pepe (2001), Marco Pirozzi (2000) dell’ITI G. B. Bosco Lucarelli, Benevento, sono solo alcuni degli oltre 400 giovani studenti e studentesse provenienti da tutta Italia a Milano dal 16 al 18 marzo, presso la FAST-Federazione delle Associazioni Scientifiche e Tecniche per la Selezione Nazionale del concorso europeo “I giovani e le scienze 2019” della Direzione Ricerca della Commissione europea.  Molti i progetti sulla salute, sull’ambiente, sull’eco-sostenibilità quali ad esempio: gli studenti Elisa Seghetti (2000) che hanno inventato OnMind: un sistema di monitoraggio e supporto per depressione e bipolarismo stagionale; lo studente Vincenzo Troiano (2003) che ha inventato StraightPosture: la maglietta che aiuta a prevenire la cifosi – studente di LS G. Checchiarispoli, San Severo (FG); oppure per la vista gli studenti Sergiu Gonta (2000), Gianfranco Antonioli (2000) che hanno inventato B.A.T. – Blind Assist Technology, una app che migliora la vita agli ipovedenti, e che frequentano l’IS Ascanio Sobrero di Casale Monferrato (AL). Ma tutte invenzioni utili e anche curiose come  la Chewing Gum App sviluppata dagli studenti Gabriele Usai (2002), Andrea Demurtas (2002), Luca Sciarrotta (2002) dell’ITI Angioy di Sassari, che analizza qualità e quantità di apporto calorico e rende i giovani comsum-attori. Gli italiani si distinguono e vincono con i loro progetti, prototipi, invenzioni e studi in tutte le materie sia borse di studio che viaggi e fino s 7mila euro per la finale europea. EUCYS, European Union Contest for Young Scientists, è la più importante iniziativa voluta dalle istituzioni comunitarie (Parlamento europeo, Consiglio europeo e Commissione europea ) e dai governi degli Stati membri  dell’Unione Europea per individuare ed incentivare i giovani eccellenti, i ricercatori e gli scienziati del futuro. Il concorso “I giovani e le Scienze” si svolge ogni anno e promuove idee di cooperazione e di interscambio tra i giovani e prevede diversi premi sia in denaro che come assegnazioni scientifiche. E’ la vetrina annuale delle migliori scoperte da parte di ragazze e ragazzi di età compresa tra i 15 e i 20 anni,  che hanno così l’opportunità di confrontarsi con colleghi con simili interessi ed attitudini. Attraverso la manifestazione, la Commissione europea valorizza gli sforzi fatti in tutti i Paesi coinvolti con l’obiettivo di: avvicinare i giovani alla scienza e alla ricerca; incoraggiare i talenti migliori e più promettenti; promuovere lo spirito di innovazione e collaborazione.

La FAST ogni anno seleziona i migliori studenti italiani. ”Le ragazze dovrebbero avvicinarsi di più alle materie scientifiche, anche quest’anno infatti abbiamo meno presenze femminili,” dice il dott. Alberto Pieri, Segretario generale della FAST (www.fast.mi.it) ,”per la mostra sono visibili al pubblico gratuitamente gli stand preparati da 67 studenti di cui 41 maschi e 26 femmine che provengono da nove regioni italiane, risultati i migliori in tutta Italia. Solo tre progetti finalisti saranno ammessi alla competizione europea che nel 2019 si svolge a Sofia in Bulgaria dal 13 al 18 settembre. A Milano vengono assegnati ai giovani partecipanti finalisti italiani pure viaggi e adesioni ad altre competizioni internazionali quali  ISEF e GENIUS negli Usa, OKSEF in Turchia, IRS in Russia, LIYSF a Londra, CASTIC in Cina, EUCYS in Bulgaria, ESI in Abu Dhabi, Mostratec in Brasile, Expo Sciences in Messico, TISF a Taipei, IFEST in Tunisia.” Sono tutte manifestazioni che valorizzano i giovani e le giovani talentuose ‘in erba’, scienziati e scienziate del futuro,” sottolinea Alberto Pieri,”ogni anno si conferma la qualità delle scuole e università italiane in quanto anche quest’anno molte delle invenzioni, speriamo, verranno brevettate”.

Nella foto: alcuni studenti del concorso europeo “I GIOVANI E LE SCIENZE 2019”– Inventori di “Geoamp”, un innovativo amplificatore a basso rumore per sismografo ed per diverse applicazioni in campo medico Ilaria Serino (2000), Mario Pepe (2001), Marco Pirozzi (2000) dell’ITI G. B. Bosco Lucarelli, Benevento.