News

Il mondo dello spettacolo in lutto per la morte di Iaia Fiastri, la signora del musical all’italiana

Si è spenta  nella sua casa romana  dopo una  lunga malattia  Iaia Fiastri, commediografa e sceneggiatrice, all’età  di 84 anni. La triste notizia è stata data alla stampa dal  figlio Iacopo.

La signora della commedia musicale era nata a Roma nel 1934, ha iniziato la sua carriera  con testi  per il cinema nel 1964, collaborando alla sceneggiatura del film L’idea fissa di Mino Guerrini e Gianni Puccini: proseguì quindi la sua attività con pellicole come Il marito è mio e l’ammazzo quando mi pare di Pasquale Festa Campanile e Vedo nudo di Dino Risi.

Durante  il trentennale sodalizio con Garinei e Giovannini ha firmato alcune tra le più celebri commedie musicali italiane come  Aggiungi un posto a tavola, portato immediatamente  al successo da Johnny Dorelli,   Alleluja brava gente,  Taxi a due piazze , Se il tempo fosse gambero.

Tutto cominciò con un libro, acquistato al volo alla stazione, ha raccontato più volte la  signora Fiastri: era Dopo di me il diluvio di David Forrest, letto in treno, con quell’incipit con un prete di un paesino di montagna che riceve una telefonata dal Padre Eterno. «Il libro non mi piacque», spiegava Iaia Fiastri, «ma l’idea era un ottimo motore per una storia e appena tornai a Roma corsi da Garinei e Giovannini. Non fu facile però: dovetti scrivere 7-8 pagine prima di riuscire a convincere Sandro».Lo spettacolo è diventato un kolossal da più di 30 edizioni e 15 milioni di spettatori in mezzo mondo

Costato la cifra impegnativa di 250 milioni di lire, soprattutto per le scenografie di Giulio Coltellacci, lo spettacolo trovò il suo titolo solo a pochi giorni dal debutto, ponendo fine alle indecisioni con votazione pubblica della compagnia. Fu un successo strepitoso: sei mesi filati in cartellone al Sistina, come non era mai accaduto. Ultima testimone di quel gruppetto geniale, la Fiastri ha accompagnato il ‘suo’ Aggiungi un posto a tavola per oltre 40 anni, vedendolo crescere fino a diventare un kolossal da più di 30 edizioni e 15 milioni di spettatori in mezzo mondo. «La commedia è stata  tradotta in inglese, russo, tedesco, spagnolo. Ma la versione italiana resta la più bella», ripeteva, ancora, solo qualche mese fa, tenendo a battesimo l’ultima edizione, con Gianluca Guidi nel ruolo del prete  che fu di suo padre.

Informazioni su Annamaria Demartini (991 Articoli)
Direttore responsabile di Mondopressing, milanese di nascita e affezionata alla sua città , laureata in Lingue e Letterature Straniere, ha insegnato Inglese per molti anni nella scuola media statale.
Contatto: WebsiteFacebook