News

La disfida di Barletta rivive in varie sedi

Un evento da non perdere dal 19 Settembre 2019  21 Settembre 2019-

 La Disfida di Barletta torna in campo! Per l’edizione 2019, infatti, grande è l’attesa per il rinnovato appuntamento con il certame cavalleresco, la cui rievocazione riprende dopo 14 anni. Da giovedì 19 a sabato 21 settembre, il borgo antico e marinaro di Barletta diventeranno un palcoscenico sul quale andrà in scena uno spettacolo multiforme, suggestivo e coinvolgente, a cura del direttore artistico della Disfida, il regista teatrale Sergio Maifredi.

La Puglia è terra di miti, di racconti e di grandi avvenimenti storici.
Barletta ne custodisce uno in particolare, quello della celeberrima Disfida. Il 13 febbraio 1503, 13 cavalieri francesi sfidarono nella piana tra Andria e Corato altrettanti cavalieri italiani guidati dal prode Ettore Fieramosca, alleato degli spagnoli con cui i francesi si stavano contendendo il sud Italia.

Il 13 febbraio furono in gioco non tanto le sorti della tenzone tra francesi e spagnoli quanto l’orgoglio dei combattenti italiani, offeso dal condottiero francese Guy de la Motte che, proprio a Barletta nella famosa cantina alla presenza degli spagnoli, mise apertamente e sarcasticamente in dubbio il valore dei cavalieri guidati da Fieramosca.

Da qui scaturì la disfida, il momento eroico che vide la compagine italiana prevalere con coraggio e astuzia sull’arroganza dei francesi, alimentando da subito il mito dell’impresa, mito che venne sancito letterariamente con il celebre romanzo storico Ettore Fieramosca o la disfida di Barletta scritto da Massimo d’Azeglio nel 1833.

Questa, brevemente, la storia della tenzone che in realtà fu qualcosa di più di una semplice scaramuccia. Quello che avvenne nel 1503, vere e proprie gesta che rimandano alle regole della cavalleria medievale, scandite da momenti precisi: l’offesa, il giuramento di Fieramosca e dei suoi prodi, ed infine il certame con il torneo ha, da subito, acquisito un significato simbolico, primo nucleo di sentimento e slancio verso un’Italia unita che, come tale, si realizzerà solo secoli dopo.

 Il regista  ha scritturato ottimi attori del teatro di prosa a cui affidare i ruoli dei protagonisti della Disfida:
Corrado d’Elia che sarà Ettore Fieramosca, Alice Arcuri che darà una voce e un volto a Ginevra, Andrea Nicolini che sarà Graiano, ma anche Inigo Lopez de Ayala e altri personaggi, così come Alberto Giusta che interpreterà La Motte e Roberto Alinghieri che porterà in scena Consalvo da Cordova.

Con loro vorrei dare voce ai personaggi principali, anche in questo caso non chiudendoli in dialoghi tra loro ma in apertura verso il pubblico, recitando col pubblico, al pubblico. Come si fa nel teatro dei pupi, brechtianamente evocando, più che recitando, le azioni.

Ha scelto  Mario Incudine, attore, cantante ma soprattutto grande interprete della tradizione popolare del cunto. A lui ed ai suoi musicisti affido il compito di creare una tessitura di parole e musica, di canzoni, di cunti e di ballate, quasi arie da opera lirica, che portino i personaggi in una dimensione trascendente.

Ha chiamato da Roma il gruppo equestre La Staffa, specializzato per il cinema, in coreografie equestri di grande realismo ed efficacia, per dar vita al certame, la giostra, la battaglia, tra i tredici cavalieri italiani e i tredici cavalieri francesi.
Accanto al realismo, così come avviene nei poemi cavallereschi, pensiamo ad Ariosto, pensiamo ad Astolfo che va sulla Luna per recuperare il senno di Orlando, ci saranno momenti di fantasia e poesia: dalla Francia avremo la Compagnia dei Cavalli Luminosi. Enormi cavalli, alti più di quattro mesi, leggeri ad aerei, ad eseguire una suggestiva danza.”

Tre giornate, sotto la direzione artistica di Sergio Maifredi, che scandiranno i tre momenti cruciali: il racconto dell’Offesa, giovedì 19 settembre; il racconto del Giuramento, venerdì 20 settembre; sabato 21 settembre la Disfida vera e propria, con il certame, il torneo cavalleresco. A seguire un grande corteo storico e fantasioso invaderà le vie della Città della Disfida.

Ad emergere, grazie agli artisti che verranno coinvolti, sarà quindi non solo la componente storica bensì la stratificazione di un sentimento, di una tradizione popolare, traendo linfa dalle fonti letterarie date e creando al contempo una narrazione nuova, contemporanea.

Palcoscenico di questo grande evento sarà la bellissima città di Barletta nei luoghi che più la rappresentano, il Castello in primis, poi le storiche Piazza Marina e Piazza Monte di Pietà, accanto alla Pinacoteca del Palazzo della Marra. Tra le strade della città, e del suo centro storico, accanto alla Cattedrale, alla statua in bronzo del colosso di Elaclio, si spargerà nuovamente il ricordo di un orgoglio ferito e la sua riparazione, attraverso la voce del canto e del racconto.