News

La Terza B del 1959 del Liceo Cesare Beccaria di Milano festeggia i 60 anni di Maturità

Nel lontano 1956 mi sono iscritta in prima liceo  al  Beccaria per frequentare i tre anni di Liceo Classico e quest’anno ricorre il mio sessantesimo anniversario di Maturità. La maturità nel 1959 era molto dura: si portavano all’esame  tutte le materie dell’anno, gli scritti erano 5 e gli orali vertevano su tutto il programma. Gli esami si svolgevano in luglio e, ricordo, che quell’estate era molto calda, nessuna aria condizionata, neppure un ventilatore. La commissione era esterna, veniva  da tutta Italia, e c’era solo un professore interno a perorare la nostra causa.

Sandro Ferrari, che ha un’ottima memoria, mi ha comunicato che la Terza B del 59 era composta da 32 alunni, 17 sono stati promossi a luglio, 15 sono stati rimandati a settembre, e di questi  13 sono stati promossi e due bocciati, due compagni hanno ottenuto una media che sfiorava il 9 e hanno fatto una grande carriera nella vita.

Insieme ad alcuni compagni  della “Terza B” abbiamo deciso  di ritrovarci per visitare la nostra vecchia scuola e ricordare insieme gli anni trascorsi in quell’edificio che ha più di quattrocento anni di storia.

Le scuole Arcimbolde
La storia ha inizio nel 1603, quando un  prelato romano di nome Giambattista Arcimboldi lasciò una somma enorme,  più di 5.000 scudi romani e altri beni immobili ai Padri Barnabiti per  provvedere all’educazione dei poveri.Le scuole  che da lui presero il nome di “Arcimbolde” vennero costruite vicino alla chiesa di Sant’Alessandro, in piazza San Giovanni in Conca ora Piazza Missori, e furono in un primo tempo  private, successivamente divennero  pubbliche, come da desiderio, scritto n

el testamento, dell’Arcimboldi, nel 1609.

Il progetto fu a cura del barnabita Lorenzo Binago, l’architetto che aveva costruito la chiesa di Sant’Alessandro in Zebedia nella stessa piazza, a cui si deve anche la facciata dalle linee tardo barocche, su cui risaltano dei medaglioni scolpiti, alcuni con l’immagine dei principali maestri del collegio, del suo fondatore e con simboli di alberi, libri chiusi e libri aperti, simboleggianti la sapienza, lo studio e la cultura.

Le scuole pubbliche vennero solennemente inaugurate dal più famoso cardinale milanese Federico Borromeo, arcivescovo di Milano 

Le scuole sopravvissero alle svariate  dominazione subite da Milano, dapprima gli Spagnoli occuparono la città e successivamente gli Austriaci, all’inizio dell’Ottocento con  l’arrivo dei francesi, le scuole presero il nome di Licei.

Il collegio,dopo aver ospitato alcuni milanesi diventati  illustri, come  Giuseppe PariniCesare Cantù e Pietro Verri, venne tolto dagli austriaci all’autorità dei padri barnabiti nel 1810 e che   trasferirono  qui il Ginnasio e Liceo Imperiale austriaco. Dopo la fine della dominazione austriaca con le guerre risorgimentali,  nacque il Liceo classico Cesare Beccaria, tutt’oggi attivo nella città di Milano.

Con l’aumento della   popolazione Milano ebbe diritto a due licei: il liceo municipale di Sant’Alessandro e il liceo municipale di Porta Nuova.

Sotto  il regno d’Italia i licei erano formati da cinque classi ginnasiali (che oggi corrispondono a  tre anni di scuola media e due di ginnasio) tre di liceo classico.

Il Beccaria
Nel 1865 le scuole italiane vennero dedicate a personalità locali o nazionali. A Milano il liceo di Sant’Alessandro diventa il «Liceo Beccaria», quello di Porta Nuova diventa il «liceo Parini».

Nel 1941 le classi inferiori del ginnasio vengono distaccate a formare la scuola media.

Nel 1957 il liceo venne trasferito da piazza Missori (il nuovo nome di piazza San Giovanni in Conca) alla nuova sede di via Linneo, dove si trova ancor oggi.

Nel maggio del 2003 venne celebrato il quattrocentesimo anniversario della fondazione. Nell’occasione venne scritto il volumetto Dalle scuole arcimbolde al liceo Beccaria – Quattrocento anni di storia edito dalla FrancoAngeli.

Nel liceo sono conservati gli archivi delle scuole arcimbolde e un piccolo museo di strumentazione fisica e chimica. Dal 1603 ad oggi la scuola è rimasta ininterrottamente in attività..

È ora la sede del Dipartimento di Lingue e letterature straniere dell’Università degli studi di Milano.

Nella foto di classe : la Terza B con i professori Gonella- greco al centro , Bosisio -storia e filosofia dietro di lui in piedi, Marchesi -chimica sulla sinistra.

Nella foto 2 i severi archi del cortile interno

Nella foto 3 la facciata delle Scuole Arcimbolde in Piazza Missori

Nella foto 4 la Chiesa di Sant’Alessandro

Nella foto 5  il nuovo edificio del Beccaria

Informazioni su Annamaria Demartini (1054 Articoli)
Direttore responsabile di Mondopressing, milanese di nascita e affezionata alla sua città , laureata in Lingue e Letterature Straniere, ha insegnato Inglese per molti anni nella scuola media statale.
Contatto: WebsiteFacebook