News

Nelle acque di Monet, tra passione e tormento

È arrivato al cinema, per tre giorni, dal 26 al 28 novembre, Le Ninfee di Monet – Un incantesimo di acqua e luce, nuovo film del regista e sceneggiatore Giovanni Troilo prodotto da Ballandi Arts, Nexo Digital e TIMVISION Production.

Il film indaga la passione e l’ossessione di Monet per l’acqua, un rapporto centrale nella vita e nella produzione artistica del padre dell’Impressionismo. Ed è un viaggio alla scoperta dei luoghi fisici e mentali di Monet — dalla Normandia, dove «la Senna si tuffa nel mare», fino al vivaio Latour-Marliac e al giardino a Giverny con il celebre stagno delle ninfee, «scenografia e set» del pittore, in cui ai rapporti con la natura e con la storia si affiancano le relazioni umane (soprattutto quella fondamentale con il ministro Georges Clemenceau).

Il percorso scelto da Troilo, che lascia lo spettatore nelle mani di una guida turistica di eccezione, l’attrice Elisa Lasowsky, illustra oltre trenta dipinti di Monet e giunge fino a Parigi, dove il pittore nacque e si dedicò alla sua ultima, colossale, opera: la Grand Décoration.

Troilo vince la sfida di portare i dipinti al cinema: le immagini in movimento mantengono la forza emotiva, le suggestioni e le impressioni che lasciano le osservazioni dal vivo alle pennellate di Monet sulla tela. Attraverso il film lo spettatore riesce a scoprire un artista che ha ricercato sé stesso nel proprio personale sguardo alla natura, raffigurata sempre per mezzo di un gioco serissimo, attuato con la luce e con i colori.

Informazioni su Giorgio Volpe (117 Articoli)
Giorgio Volpe Redattore Spettacolo Nato nel 1990, amante dell’arte, soprattutto di quella scenica, si laurea nel 2013 in Scienze Umanistiche (Arti e Scienze dello Spettacolo - La Sapienza/Roma) con una tesi su “The Lion King – il musical” e nel 2018 consegue la specialistica in Lettere e Filosofia (Spettacolo, Moda e Arti Digitali - La Sapienza) con una tesi dal titolo "Teatro Ragazzi. Esperienze tra Italia e Francia". Quello della scrittura giornalistica è un hobby che gli permette di abbinare l’utile al dilettevole.