News

Real Bodies – Oltre il Corpo Umano: un viaggio alla scoperta dell’anatomia umana

Il giorno 6 Ottobre 2018 a Milano presso lo “Spazio Ventura” in Via Giovanni Ventura 15 è cominciata l’ultima tappa italiana di “Real Bodies – Oltre il corpo umano”. Ultima tappa poiché, a detta dello staff, dopo quest’ultimo tour, da evento itinerante muterà in istallazione fissa in una non meglio definita città europea.

Vedi il nostro precedente articolo

La lunga e, a prima vista, scoraggiante fila che potremmo trovare all’ingresso in realtà scorre piuttosto celermente per merito dello staff, che alterna qualche ospite dell’ultimo minuto ai visitatori in prevendita con orario definito.

Questo sistema permette inoltre di far sì che non ci siano momenti di eccessiva ressa potendo così fruire dell’esperienza senza schiamazzi né calca presso le teche.

Questo tipo di organizzazione si è d’altronde reso fondamentale dopo una adesione record di 280.000 spettatori alla manifestazione precedente.

Appena giunti alla cassa, per chi volesse, è caldamente consigliato dagli addetti il noleggio di una piccola audio guida con voce narrante al costo aggiuntivo di € 5,00.

La manifestazione è aperta a tutte le età  secondo Antonello Cirnelli, medico legale e curatore dell’esposizione, il quale afferma anche che sarà un’edizione dai grandi contenuti didattico scientifici studiata appositamente per le scuole di ogni ordine e grado, ma anche educativa per tutti i tipi di pubblico, grazie agli approfondimenti ed alle campagne di donazioni realizzate in collaborazione con associazioni Onlus e fondazioni famose a livello nazionale nelle varie sezioni che sveleranno i segreti e gli studi più avanzati sugli apparati del corpo umano. Tutto il progetto è infatti patrocinato, oltre che dai vari enti, anche da ADMO, AIDO, AVIS.


Il viaggio comincia subito, attraverso un piccolo corridoio buio, con una velocissima introduzione sugli antichi egizi e, nello specifico, sulla tecnica dell’imbalsamazione. Dopo questa fugace rispolverata da libro di scuola si entra subito nel vivo della mostra con una delle installazioni più pubblicizzate: quella inerente i disegni di Leonardo da Vinci.


In concomitanza con il cinquecentenario (2019) della scomparsa dell’artista e genio Toscano, infatti, vengono riproposte 30 opere ispirate direttamente ai suoi disegni anatomici, che si trovano per la maggior parte nel Castello di Windsor (si parla appunto di Codice Windsor, in riferimento a questa raccolta).


Altre novità di quest’anno sono la sezione dedicata all’anatomia comparata tra cui spicca il cuore di megattera da ben un metro di ampiezza e quella dedicata alle novità nel campo della Biotecnologia in cui è possibile inoltre effettuare qualche piccola esperienza sensoriale diretta.


In ultimo vi è un’area in cui vengono mostrati gli effetti dannosi derivanti dall’assunzione di sostanze psicoattive. Uno degli intenti infatti della mostra è quello di promuovere le campagne sulla prevenzione delle malattie e sulla lotta alle dipendenze e stimolare i visitatori a raggiungere il benessere fisico attraverso lo sport.


Per acquistare i biglietti on line Clicca qui

Informazioni su Matteo Spoladori (7 Articoli)
Nasce e vive a milano. Dal 1995 lavora in campo grafico come fotoritoccatore, impaginatore, copywriter, creatore di siti internet e web master. tra il 2006 e il 2016 sviluppa una esperienza decennale in campo ristorativo aprendo Fermento Art&nPub, un Grill & Pizza Brewery di qualità, col quale promuove inoltre la Musica e l’Arte nelle sue varie forme come pittura, fotografia e fumetto. Aattualmente coltiva la sua passione per la scrittura che lo ha sempre accompagnato, scrive articoli, collabora con MWG e promuove Globeon.it, un sito del gruppo, che realizza iniziative in campo editoriale.
Contatto: WebsiteFacebook