News

Si chiama ‘Not 24get’ l’app lanciata dal Comune di Milano per trovare il caro estinto

“Applicazione che agevola la fruizione dei cimiteri milanesi e contribuisce a rendere i servizi civici più moderni e digitali”.

Milano – Niente più confusione, passeggiate inconcludenti tra i viali e i campi dei cimiteri milanesi alla ricerca di una tomba. Da oggi, grazie all’app ‘Not 24get’, sviluppata dai servizi civici del Comune di Milano, sarà possibile conoscere l’esatta ubicazione di una sepoltura all’interno di tutti i cimiteri milanesi semplicemente digitando il cognome del defunto o la data del decesso.

L’app, già disponibile nel Play Store di Google e nell’Apple  Store, permette di accedere all’informazione sia attraverso i tablet sia attraverso lo smartphone.

“Grazie a questo nuovo servizio – dichiara l’assessore ai Servizi civici Franco D’Alfonso – agevoliamo la fruizione dei cimiteri milanesi. L’applicazione sarà utile in particolare nelle giornate di grande afflusso, come il 2 novembre, e aiuterà i cittadini a individuare immediatamente la corretta ubicazione della sepoltura dei propri cari e le indicazioni per raggiungerla. Un progetto che si inserisce in un programma più ampio di ammodernamento e digitalizzazione dei servizi civici”.

Semplice e intuitivo l’uso dell’applicazione: basta infatti digitare il nome del defunto per attivare la ricerca e ottenere una serie di utili informazioni, la data del decesso, l’esatta ubicazione della tomba, il manufatto e la mappa del cimitero di riferimento.

Per i cognomi più diffusi il sistema prevede sino a 15 visualizzazioni per schermata: è possibile restringere il campo di ricerca inserendo un intervallo di tempo nel campo ‘data’.

A garanzia della privacy sarà possibile effettuare sino a un massimo di dieci ricerche nominative al giorno.

Informazioni su Sebastiano Di Mauro (423 Articoli)
Sebastiano Di Mauro nasce ad Acireale (CT) nel 1954 dove ha vissuto fino a circa 18 anni. Dopo si trasferisce, per brevi periodi, prima a Roma, poi a Piacenza e infine a Milano dove vive, ininterrottamente dal 1974. Ha lavorato per lunghi anni alle dipendenze dello Stato. Nel 2006, per strane coincidenze, decide di dedicarsi al giornalismo online occupandosi prima di una redazione a Como e successivamente a Milano, coordinando diverse redazioni nazionali. Attualmente ha l'incarico di caporedattore di questa testata coordinando i vari collaboratori sul territorio nazionale.
Contatto: Website